Dr. Massimo Fochi
Psicologo e Psicoterapeuta

nato a: Pistoia

studio: Via Orafi 2 (P.zza Duomo), 51100 Pistoia

cell.: +39 338 4194605

e-mail: dott.massimo.fochi@gmail.com

Sito professionale: www.psicologiaepsiche.it 



Enigma del giorno:

***Van Gogh

imgSono da sempre innamorato delle opere di Van Gogh e ne possiedo da alcuni anni un originale. Vengo a sapere[...]

Risposte utenti (1)

Articoli in Evidenza:

I disturbi alimentari nella storia

  I disturbi dell’alimentazione rappresentano un fenomeno eterogeneo nonché un rilevante problema clinico poiché determinano una condizione di malattia che può compromettere in[...]

La donna nella Grecia antica

Solitamente la condizione riservata alle donne in una società è un chiaro segnale, del tenore di libertà di cui una[...]

Psicosomatica e trasduzione dell'informazione.

il sistema limbico-ipotalamico visto come principale anello di trasmissione nei rapporti mente-corpo.
imgDobbiamo riflettere sul fatto che la tendenza a dividere l’etiologia dei disturbi in cause organiche e psichiche perpetua il pregiudizio[...]

LA TOLLERANZA

Pubblicato il 15 novembre 2020 in Varie.

La TOLLERANZA, il grande dono concettuale che ci ha fatto Locke prima e il pensiero illuminista poi, è il presupposto di una convivenza civile che permetta a fedi diverse di adorare in modo differente divinità dissimili senza che nessuno si debba sentire offeso da questo. Ha permesso, in politica, di non combattere più il mio avversario ma di limitarmi a combattere le sue idee, senza vietargli di esporle ma senza nemmeno temere che io venga ucciso o comunque messo a tacere con la forza per questo. Valori, ideali, fedi diverse che possono e debbono imparare a convivere, a rispettarsi, ad integrarsi.

Che bello! Sono fiero di appartenere ad una civiltà che ha prodotto questa grande conquista intellettuale. Tutti i valori umani sono ammissibili, tutte le fedi accettabili. Ma per poter giungere a questo si deve presupporre un meta-valore che non è a sua volta negoziabile: la tolleranza appunto.

Infatti, non a caso la nostra Costituzione vieta il riformarsi del partito fascista. Un’ideologia intollerante non è ammissibile pena la perdita di tutte le meravigliose conquiste sociali che permettono la critica costruttiva, la pace sociale e uno sviluppo continuo del pensiero.

Mi chiedo con grande sofferenza intellettuale: l’Islam che non è solo una religione, ma anche un modello, una proposta di vita e di socialità, una ideologia politica, ha la possibilità di essere accolta come uno dei tanti valori interni e diversi della nostra società o rischia di essere lesiva del nostro unico meta-valore non contrattabile, la tolleranza, che ne costituisce il fondamento ed il presupposto?

Può questa visione del mondo diventare davvero capace di accettare di relativizzarsi, di essere tollerante? Non dubito che in futuro ci possa riuscire, ma mi chiedo oggi e per i prossimi 20, 30 anni possiamo permetterci di far proliferare una visione del mondo e della vita di questo tipo nelle nostre città? Qualcuno di voi ha visto gli esiti di questi tentativi in Belgio, in Francia nelle aree islamiche?

Io non ho una risposta, ma mi pongo con forza e sofferenza questa domanda e vorrei che anche gli amici così certi e così privi di dubbi in merito, se la ponessero con coraggio ed onestà intellettuale. Ripropongo a questo proposito uno stralcio di una intervista a Giorello di qualche anno fa, che mi ha fatto riflettere molto.

«Forse è banale dirlo ma è orribile. Sono sempre i buoni le vittime dell'odio religioso, è un gesto orribile. Il fanatico non vede l'essere umano che ha davanti, in questo caso l'anziano sacerdote, vede solo nemici. È questo il peccato originale di tutti gli integralismi... Non voglio dire che è un gesto bestiale, perché gli animali possono essere crudeli ma c'è una logica naturale nei loro gesti in questo caso non c'è... Questi fanatici colpiscono sempre luoghi simbolici. Sembrano luoghi diversi ma dalla discoteca alla rivendita di alcolici, alla chiesa di una religione che non è la loro, colpiscono sempre qualcosa che è un simbolo della possibilità di essere diversi da loro. Da questo punto di vista, per quanto possa essere rudimentale la tecnica, il messaggio che danno è sempre lo stesso. E con questo tipo di messaggio noi non dobbiamo mostrare più alcuna debolezza».

Crede che non stiamo reagendo nel modo giusto? «Io vedo circolare un sacco di analisi che applicano alla questione i vecchi canoni marxisti. Badi bene non di Marx ma dei cascami ideologici delle teorie di Marx... Come dire: si cerca sempre la spiegazione sociologica, economica si discute di imperialismo. Non nego che esistano anche queste questioni. Ma qui il nocciolo è religioso, la religione è centrale, non è sovrastruttura. Io non ho simpatia per i monoteismi, lo ammetto, ma qui mi pare evidente che siamo di fronte ad un monoteismo intransigente ed aggressivo che non tollera l'esistenza di concorrenti ed è ora di prenderne atto e di assumere posizioni ferme e decise. La religione islamica non è la sola a praticare l'intolleranza ma di certo la pratica».

È un terrorismo diverso da quello politico e noi non ce ne siamo accorti quindi? «Chiariamoci io non ho mai avuto alcuna simpatia per terroristi come le nostre Br, ma qui siamo oltre, il fanatismo religioso elimina qualsiasi remora. Dobbiamo difendere a tutti i costi il pluralismo religioso, il diritto di circolare liberamente. È arrivato secondo me il momento di agire con durezza contro i fanatici, se non difendiamo la laicità della nostra società corriamo dei rischi enormi».



Nati per credere

primo contributo
Pubblicato il 14 maggio 2020 in Psicobiologia.

Nati per credere 1

 

Partiamo dal rapporto primordiale che gli uomini hanno con ciò che accade attorno a loro e di cui non hanno immediata contezza.

L’ignoto che ci circonda richiede, per poter sopravvivere, spiegazioni, anticipazioni, previsioni. E su questo punto le neuroscienze ancora una volta ci vengono in aiuto. Vorrei suggerire, a chi volesse approfondire questo punto, un libro, “Nati per credere”, davvero bello ed interessantissimo a cura di 3 autori

• Vittorio Girotto

psicologo cognitivo (Università di Venezia)

• Telmo Pievani

filosofia della scienza (Università Bicocca di Milano)

• Giorgio Vallortigara

neuroscienze cognitive (Università di Trento)

Gli uomini hanno una sorta di ossessione per spiegarsi le cose, nel tentativo di fornire una leggibilità, una prevedibilità e un senso agli accadimenti del mondo. Ci sono (dice Vallortigara), dei detettori di causalità, dei rilevatori di causalità che risultano essere innati (spesso attivati dalla semplice contiguità spazio-temporale). Come possiamo intuire questa attitudine è assolutamente utile e adattiva, darwinianamente adattiva.

È importante saper prevedere le cose proprio per poter schivare i pericoli.

Ritroviamo così, sul piano delle scienze empiriche, qualcosa che ci ricorda gli apriori kantiani: la tendenza a ricercare nessi di causa effetto.



Filosofia e scienza

5 incontri
Pubblicato il 01 febbraio 2020 in Collaborazioni .

Tutti gli Articoli
Categorie:


Social:
Feeds:
Articoli
Video
Domande
Newsletter: